Approfittando di un noioso e freddo inverno, mi ritrovai  un giorno nella selva oscura, che io poi cosi oscura non ho trovato..anzi  devo dire che era abbastanza illuminata data la mancanza delle foglie che, come si sa, d’inverno non popolano più i rami degli alberi ma giacciono al suolo più morte che vive.  Mi domando chi gliel’ha fatto fare a Dante di inoltrarsi in questa selva in Aprile, proprio quando queste foglie larghe un metro quadro l’una, rigogliose, verdi e tutte intricate fra loro, rendono tutto buio!

Evitato, perciò il fastidioso buio e l’incontro spiacevole con delle fiere, che nel corso degli anni erano passate a un’ulteriore miglior vita per rinnovata vecchiaia, camminavo in cerca di  Virgilio.

Ad un certo punto vidi la sua ombra stanca da lontano, e tirando fuori il taccuino e una vecchia biro dal tappo tutto smangiucchiato dalla tasca, mi accinsi a raggiungerlo, quando  una voce nasale e cavernosa, come quella di chi ha un’importante costipazione, che non  potevo credere venisse proprio dall’ombra del vecchio poeta, mi urla con accento romanesco:

“Ao, e tu chi sei? E soprattutto che ce fai da ste parti co sto freddo infame?”

Timidamente mi avvicinai a lui e risposi:

“Stampa! Vorrei farLe un’intervista per i lettori della LENTE, il nostro giornale studentesco”

“Ah! E er permesso ‘n’ carta da bollo da ducento lire..ce l’hai?”

“Il permesso in carta da bollo? E da quando per un’intervista ci vuole il permesso in carta da bollo?”

“Ehhhhh..se vede  che vieni d’a tera! Sii fossi stato un pochetto qui tra noi te saresti abbituato a fa a richiesta ‘n’ carta da bollo pure pè ‘n’ litro de Frascati. ….vabbè vah…dimme…pè te farò n’eccezione, visto che sei straniero e me stai pure ‘n’ po’ simpatico!”

“Grazie. Bene, mi dica Signor Virgilio: cosa ne pensa di Dante?”

“De Dante? Me fa ride…me fa tajà ‘n’ due pensà che m’ha fatto fa “A Raggione”…a me, che da quanno sto qua ‘n’ mezzo a sti dannati de raggione nun ne tengo più..E poi se penso ar giro de Peppe che ma fatto fa pe l’Inferno me viè da ride pure de più..tutto sto  camminare a me..che tengo è vene varicose e faccio fatica a move pure ‘n’ passo!”

“Ma di Dante che ne è ora?”

“Ahhh..quello è annato ‘n’ Paradiso eh! Però ce sta peggio ch’all’Inferno perché co tutta a cultura sua l’hanno messo a fa er pizzardone, per regolà er traffico de li mortacci che vengono dar monno!”

“Sensazionale, Signor Virgilio! Sensazionale! Ed ora una domanda attinente alla mia scuola: cosa ne pensa degli alunni del Galileo?”

“Beh, da quello che posso vede da quassù…nun me dipiacceno..anche se nun c’hanno voja de fa gnente! Ahahhaha!…comunque co tutti e cazzate che fanno e li casini  so riusciti a fa scappà qua tra noi, p’a disperazzione, er Segretario”

“Il Segretariooo??”

“Si, quello che te rompe sempre li cojoni tutte e vorte che te vede. Lo vedrai..è quello che core da na Bolgia all’altra e che tutti quanti pijeno a legnate..poraccio nun po’ trovà ‘n’ buchetto dove riposasse. Ah e poi qua ce so pure li Bidelli”

“I Bidelli?? E che ci fanno qui??”

“Che ce fanno??? Quelli pe fa pagar loro la voja de fa ‘n’ cazzo che c’avevano su a tera..li hanno messi a fa gli arbitri”

“Arbitri?? E di cosa??”

“De cosa? D’e partite fra Romanisti e Lazziali che ce stanno qua a l’inferno. E devi da vedè…ammazza a ogni partita che fanno ne gonfiano uno..Tant’è vero che a furia de botte qua de bidello sano nun è rimasto manco uno…Beh, ora devo d’annà! Arivederci giornalista, se fa pe dì! E.. a procurate er permesso en carta da bollo se voi seguità a intervistà li morti, si no te sbatteno ar gabbio!”

E sparì così com’era apparso. Immediatamente dopo corsi a procurarmi il benedetto permesso in modo da poter continuare il mio giro di interviste dall’inferno..

(Gianmaria Fraschini)

Mi Piace